TEATRO DI DOCUMENTI - v. Nicola Zabaglia, 42 – Roma
tel.  06 455 485 78 – 328.8475891

L‘ANALFABETA
di Agota Kristof

barretta.gif
     
2023Loca25Lanalfabeta.png
barretta.gif












dal 3 al 7 aprile 2024
da mercoledí a sabato ore 20,45 – domenica ore 17,30

L‘ANALFABETA

di Agota Kristof

La messa in scena

Lo spettacolo è un ponte tra lo spettatore e l‘autrice che diventa una riflessione sull‘arte di scrivere, un omaggio alla letteratura.
Un viaggio reale compiuto da Agota, ma anche un viaggio dentro di lei.
Il viaggio come momento di cambiamento, di crisi, dove in ogni tappa c‘è una prospettiva diversa su temi duri, multiformi come l‘infanzia, la frontiera, l‘appartenenza, la memoria.
Per gli spettatori è un viaggio attraverso i sensi, un continuo viaggio nel tempo, dove le immagini prendono vita davanti a loro fra luci e forme, attraverso un unico elemento, una stoffa che trasforma tutto continuamente e li accompagna, come nel “Filo di Arianna”, nel labirinto del passato, del presente e del futuro, senza una sequenza logica temporale, fidandosi della mente che, con i ricordi, ricollega tutto come vuole e dove vuole.
Nel rituale attrici sono Agota separatamente o insieme, come diversi colori della stessa persona, o nessuna, per sparire e trasformarsi in spazi, personaggi, paesaggi, un mondo dove si alterna il protagonismo.
Sarebbe stato ugualmente interessante dare vita alla storia di Agota se non avesse avuto un successo di fama mondiale nella letteratura?
Sí, per il fascino di guardare la vita di una donna che attraverso i cambiamenti ha dovuto creare “un senso” ad ogni cosa, ad ogni avvenimento, ma piú precisamente il suo “non senso”: lo scrivere, scrivere. . . durante tutta la sua vita, senza nessuna illusione, né scopo, o speranza.
È questo che la salva e che fa pensare gli spettatori.
Nello spettacolo le musiche e le voci accompagnano i ricordi.
Sono canti antichi o moderni che convivono in Agota, come in sogni in cui non si distingue tutto, e in questo modo le assicurano che il passato non fu solo un ricordo.
Cosí la “messa in scena” si avvicina a noi, impostata come i nostri sogni, con fantasia e libertà, oppressioni e incubi; è come vedersi in un filmato, ma non solo; ci provoca, come Alice, ad andare dall‘altro lato dello specchio.
                      Gastón Troiano

Agota Kristof ha scritto i romanzi: “Il grande quaderno”, “La trilogia della città di K”, “La prova”, “La terza menzogna”, “Ieri”, “La vendetta” e per il teatro “La chiave dell‘ascensore. L‘ora grigia”.

     
barretta.gif