TEATRO DI DOCUMENTI - v. Nicola Zabaglia, 42 – Roma
tel. 06.5744034 - 328.8475891

             laboratorio  RECITARE POESIA 2020 

barretta.gif

     
2019festaDellaPoesia.png


Il laboratorio è collegato al Premio Teatro e Poesia e si rivolge a giovani attori under 30 che vogliano misurarsi con la recitazione di Poesia.
Il laboratorio è tenuto da Vincenzo Preziosa.

Gli incontri si terranno:

  •    sabato 21 marzo, ore 10 – 13 e ore 14 – 17,
  •    domenica 22 marzo, ore 14 - 17.

A seguire i partecipanti al laboratorio saranno i protagonisti della Festa della Poesia con la lettura scenica delle liriche vincitrici del Premio Teatro e Poesia.

Il laboratorio si concentrerà su:
  • analisi del testo poetico;
  • metrica e verso libero;
  • ritmo della parola poetica: flusso di parola e pausa;
  • modulazione della voce;
  • espressività;
  • lettura scenica/mise en espace delle liriche premiate al Premio Teatro Poesia.

Quota del laboratorio:
  • € 50 che include anche la partecipazione alla serata Festa della Poesia il 22 marzo
  • € 30 riservato ad allievi-attori di accademie e scuole professionali di teatro

Si rilascerà un attestato di partecipazione.

Vincenzo Preziosa, diplomato all‘Accademia Filodrammatici di Milano.
In teatro è stato diretto, tra gli altri, da E. Calindri, G. Lavia, G. Prosperi, F. Molè, M. Moretti, S. Massimini, R. Veller, A. Martino, A. Venturi.
Ha collaborato nei progetti teatrali curati e diretti da Dacia Maraini.
Dal 2005 fa parte della Compagnia Remondi e Caporossi; protagonista degli spettacoli: Scarto, Sotto l‘ombrello accanto al bastone, Dolore perfetto, Colpo su colpo, Mendel, Mura, Il figlio prigioniero, Storie naturali, Immgine scomposta, Marionette, Cosí. . . vi pare.
Collabora in qualità di assistente nei laboratori di formazione professionale condotti da R. Caporossi.
Ha partecipato a diverse fiction televisive.
In cinema è stato diretto da C. Maselli, J. Franknheimer, V. De Sisti, F. Massaro, G. Minello, e ha partecipato a numerosi cortometraggi.
Ha scritto di lui Roberto Veller “Il suo curioso aspetto da Principe degli Gnomi e la sua duttilità d‘attore lo pongono tra gli interpreti che non hanno bisogno di forzare mai, suggerendo con la semplice loro presenza quello che è da esprimere”.



     

barretta.gif